Blogs

Blogs

Informazioni, curiosità ed approfondimenti dal mondo della Sanità

19 Aprile 2016

Congresso Nazione Aogoi - Puglia 8-9-10 maggio

Vota questo articolo
(3 Voti)
7819 volte

 

Presidenti onorari: A. Chiàntera, C. Gigli, P. Scollo, V. Trojano

Presidenti: A. Belpiede, M. Cantatore, P.L. Sozzi

 

MAIN TOPICS

  • Nuovi orientamenti della diagnosi prenatale non invasiva
  • Percorso nascita in Puglia: protocolli e linee guida
  • Induzione del travaglio di parto
  • Raccolta cellule cordonali e placenta
  • Diabete in gravidanza
  • Ipertensione e pre-eclampsia
  • Ambulatorio gravidanza fisiologica e management gravidanza a termine
  • Cartella clinica informatizzata
  • Nutrizione e cresita fetale e neonatale
  • Parto pre-termine: diagnosi e trattamento
  • Parto post-termine: gestione
  • IVG legge 194: terapia farmacologica versus chirurgia
  • Focus menopausa
  • Uso laser CO 2 in menopausa
  • Nuove frontiere in contraccezione
  • Oncofertilità
  • Oncologia ovaio e endometrio
  • Endometriosi infiltrante
  • AOGOI PER TE
  • Responsabilità professionale tutela legale e colpa grave
  • Tavola rotonda: giuristi, magistrati, periti (CTU, CTP)
  • Focus uroginecologia
  • Pianeta PMA

 

Programma Congresso

SOLO il 30% dei maschi europei (dato Eshre) ha una qualità ottimale degli spermatozoi. Il risultato è un crollo della fertilità. I motivi sono tanti: l'esposizione a fattori inquinanti, stili di vita non sani, malattie sessualmente trasmesse, diete scorrette e obesità se è vero, come dimostrano studi dell'Ivi, istituto valenciano di infertilità, che nell'eiaculato di uomini obesi ci sono 9 milioni di spermatozoi in meno rispetto ai normopeso. Talvolta - però - basta poco per riuscire a modificare una situazione compromessa. 

 

Della ricetta per migliorare la fertilità maschile ha parlato, al terzo congresso dell'Associazione degli Andrologi Ataliani Assai, che si è appena chiuso a Gallipoli, Eugenio Luigi Iorio, biochimico e presidente dell'osservatorio internazionale dello stress ossidativo. "Gli spermatozoi sono cellule particolari - premette - e hanno bisogno di molti nutrienti. Alcuni sono prodotti direttamente dall'organismo, altri devono essere necessariamente introdotti con l'alimentazione. Gli spermatozoi poi vengono influenzati dall'ambiente e dallo stato di salute della persona: perché un uomo sia fertile la quota di infiammazione deve essere infatti scarsa o nulla, così come deve essere contenuto lo stress ossidativo".

Lo stress.

Stress ossidativo provocato dallo squilibrio tra radicali liberi e antiossidanti. "È proprio questo rapporto che va controllato. I radicali liberi hanno infatti anche un ruolo positivo, perché sono i nostri antibiotici naturali - continua Iorio - ma nello stesso tempo sono molecole instabili, che tendono - per stabilizzarsi - a strappare elettroni ad altre molecole, quali proteine e Dna, danneggiandole. Per prevenire o attenuare l'insulto ossidativo intervengono gli antiossidanti garantendo un equilibrio biochimico e metabolico per il benessere cellulare".

Cercare l'equilibrio.

Come mantenere questo equilibrio? Con un mix di buone abitudini: niente fumo e alcolici, almeno 40 minuti al giorno di passo veloce, evitare contaminanti e ambienti inquinati, dedicarsi tempo per recuperare lo stress della giornata, magari con un buon libro. Infine la dieta. "Buone quantità di verdura a foglia o alghe, frutta, quattro volte a settimana il pesce, preferibilmente azzurro, senza esagerare con quelli di grossa taglia, frutta secca con guscio tre volte a settimana, evitare carboidrati la sera perché fanno alzare il livello di insulina, ridurre i grassi. Carne rossa una volta ogni due settimane, carne bianca anche 1 o 2 volte a settimana, se siete certi della provenienza. Inoltre i nostri legumi, buona fonte proteica, e i cereali come pasta, pane o riso, meglio se integrali", consiglia Iorio.

Il test.

Se gli spermatozoi patiscono stress ossidativo, c'è però anche modo di verificarlo con dei test sul liquido seminale, in aggiunta al normale spermiogramma: la determinazione dei perossidi lipidici nel liquido seminale e il test di frammentazione del Dna. "I perossidi vengono prodotti dall'insulto dei radicali liberi alle membrane cellulari - precisa Lamberto Coppola, segretario Assai - mentre il secondo test serve a capire se lo spermatozoo ha subito danni al suo Dna". Ovviamente la fertilità può essere pregiudicata anche da patologie. "Le malattie sessualmente trasmesse influenzano negativamente motilità e morfologia degli spermatozoi - spiega Aldo Franco De Rose, presidente Assai - ma la fertilità è a rischio anche per le prostatiti, che interessano soprattutto i giovani, per l'assunzione di alcolici e anche per le irregolarità intestinali".

 

fonte : http://www.repubblica.it/salute/benessere-donna/fertilita-e-infertilita/2015/11/02/news/fertilita_papa_si_diventa_anche_a_tavola_e_in_palestra-126477020/ 

La legge 40: una delle più grandi vergogne italiane. Con la sua abolizione la ricerca sulla fecondazione assistita può fare grossi passi, ma il "becero oscurantismo" della politica è sempre all'attacco. Parla il medico che nel 1984 fece nascere la prima bimba italiana concepita in vitro.

 

Riassumere in poche righe la carriera e la personalità di Ettore Cittadini è impresa ardua. Potremmo cominciare col dire che è uno di quei pochi siciliani che è riuscito a porre la Sicilia al centro di una rete di rapporti internazionali, di scambi, di incroci di competenze.
Un siciliano di scoglio e di mare aperto, allo stesso tempo: è sempre rimasto nella sua terra, ma ne ha fatto la base da cui partire per acquisire conoscenze all'estero e riportarle indietro. Medico ginecologo, professore universitario, si è laureato a Palermo per poi specializzarsi a Parigi, nella scuola di Raul Palmer, considerato uno dei più grandi ginecologi al mondo. Ha fatto tappa in diversi Paesi: da Lubiana, dove ha lavorato con il noto chirurgo Franc Novac all'Australia dove ha studiato la tecnica della procreazione medicalmente assistita.
Tecnica che, per primo, ha portato in Italia: è nata a Palermo, alla clinica Candela (tuttora della sua famiglia), nel 1984 la prima bimba fecondata in vitro grazie ad una equipe tutta italiana, la sua.

Il giornale L'Ora dedica a questo evento tutta la prima pagina, sottolineando il primato scientifico di una Sicilia su cui nessuno avrebbe scommesso.

fecondazione-assistita--1280x768

Ma non è il primo successo di questo medico dalla personalità vulcanica e generosa. Già prima si era imposto nel panorama scientifico internazionale per avere scritto il primo libro di divulgazione sulla contraccezione in Italia. Il primo ad istituire una banca per la conservazione dello sperma da donatore, il primo a dedicare una monografia alla celioscopia in ginecologia, e poi anche all'endoscopia ginecologica. Testi studiati ovunque: non a caso, è proprio a Palermo che si svolge, nel 1964, il primo congresso di endoscopia al mondo. Poi, tantissime pubblicazioni sulla fertilità e problemi connessi.
Di lui, pochi anni fa, l'ex ministro della Salute Ferruccio Fazio, scrisse che è "un luminare della procreazione in vitro, un grande medico, un sognatore con la testa e le idee nel futuro e i piedi ben piantati nella sua terra siciliana". Leggere il suo curriculum e le celebrazioni a lui dedicate da grandi medici e scienziati intimidisce un poco. Subito si pensa ad un uomo inavvicinabile. Si scopre, invece, un uomo alla mano, dal tratto umano profondo ed empatico. Con lui parliamo delle legge 40, quel complesso di norme che per più di dieci anni ha impedito alle coppie italiane con problemi di fertilità l'accesso alla procreazione medicalmente assistita e che la Corte Costituzionale ha finito di demolire l'anno scorso. Ma parliamo anche delle prospettive future e di come l'Italia affronti il tema della ricerca scientifica rispetto agli altri Paesi, USA inclusi.

 

Continua a leggere l'intervista del Prof. Ettore Cittadini  -> clicca quicittadini

02 Marzo 2016

Fecondazione eterologa maschile, dove la storia di Tecnomed é una garanzia

Vota questo articolo
(7 Voti)
2892 volte

Nel 1984, quando nel campo della fecondazione assistita c'era il "Far West", pionieristicamente e con grande lungimiranza volemmo dalle Istituzioni dell'epoca l'autorizzazione formale e specifica per istituire una Banca del Seme ... la ottenemmo nel 1986. Credo che noi siamo stati i primi in Italia ad essere muniti di tale documentazione, lo si evince anche dal Registro Nazionale sulla PMA presso l'Istituto Superiore di Sanità.

Spesso mi piace dire agli altri colleghi che si accingono a svolgere questo delicato lavoro: "Bravi, voi ora lo fate, ma noi lo abbiamo inventato".
La storia non è un caso, grazie ad essa, oggi che in Italia è possibile nuovamente effettuare la fecondazione eterologa, Tecnomed può fornire ai suoi pazienti la
massima competenza, sicurezza, garanzia e professionalità.
Siamo operativi sia presso il Centro di Nardò (Lecce) e sia presso il Centro di Roma.

Lamberto Coppola
Direttore Sanitario Tecnomed

Autorizzazione comunale Baca del seme

23 Aprile 2014

La Corte Costituzionale non discrimina le coppie infertili

Vota questo articolo
(4 Voti)
5588 volte

"Finalmente le nostre coppie potranno effettuare tecniche di Fecondazione eterologhe nel nostro Paese e non saranno più costrette ad andare all’estero evitando la realtà e i costi individuali e sociali dell'attuale turismo procreativo". Così M. Elisabetta Coccia, presidente di Cecos Italia (Centro studi e conservazione ovociti e sperma umani) ha commentato la decisione dei giudici della Corte Costituzionale che hanno bocciato il divieto di fecondazione eterologa.

Certior-Colori

 

 

CRIOBANCA

 


Dettagli →

Fecondazione Eterologa

 

-pagina in costruzione-

Info su CentroTecnomed

Tecnomed Studi Medici e Laboratorio Analisi
Direttore Sanitario: Prof. Lamberto Coppola

Centro TECNOMED

  • +39 0833.567547 -  Fax. 0833.567931
  • tecnomed@centrotecnomed.it
  • Via XX Settembre, 14/18
    73048 NARDO' (LE)
    ITALIA

Ultime Notizie

CentroTecnomed utilizza i cookie per fornire i suoi servizi. Per avere maggiori informazioni su questa direttiva e sulla privacy in generale, visitate il link policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information